Comune di Genuri

piazza San Giuliano 3 - 09020
Tel: 070 9365128 - E-mail

Palio Genuri 072

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Chiesa San Domino

Risorse

Altare in pietra

Particolare altare

La chiesa campestre di San Domino è situata nei pressi della chiesa Parrocchiale e risale al XVI secolo

Non si conosce la data di fondazione del paese e neppure il periodo approssimativo,
ma il sito fu frequentato sin dall'antichità, come testimoniano i nuraghi presenti.
In età spagnola Cenuri fu incorporata nella "Incontrada de Marmitta" appartenente
al Marchesato di Quirra, fu feudo del Centelles e degli Osorio.
Genuri insieme con Setzu costituì da tempi remoti un'unica Prebenda (cioè sede di
un canonico della cattedrale di Ales che poteva affidare la parrocchia ad un altro
sacerdote da lui scelto, chiamato "il vicario" ,al quale consegnava una parte dei
benefici della Prebenda) . Setzu ne fu staccata per diventare Rettoria nel 1775 (era
Rettoria la chiesa con un sacerdote suo proprio) .
Oltre la chiesa parrocchiale che è stata recentemente ricostruita, vi sono in Genuri
due antichissime chiese. Quella di San Marco e quella di Santu Domimi, cioè della
Trasfigurazione di Gesù , la festa liturgica si celebra il 6 agosto.
Fin dal 1600 si celebrava ogni anno il 6 luglio, la festa della consacrazione della
chiesetta che precedeva la festa liturgica del 6 agosto .
La chiesa di San Domino era più grande rispetto a quella attuale, fu il vescovo di
Ales Mons. Michele Beltran che ne ordinò alcune modifiche ,con decreto della Visita
Pastorale del 10 marzo 1641. Nel decreto il vescovo Mons. Beltran spiega il motivo
di tale ridimensionamento " così la chiesa di San Domino sarà più proporzionata ed
elegante" (estiga mas proporcionada y curiosa).
Una delle due campane di San Domino di Genuri reca la data del 1408 con un'
iscrizione di non ben leggibili lettere maiuscole, senza spazi intermedi, che
parrebbero voler dire: " TU PATRIS SEMPITERNUS FILIUS DOMINE
MCCCCVIII".
Se Pinterpretazione fosse esatta, farebbe riferimento alle parole pronunciate da Dio
Padre nella Trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor: "Questi e il mio Figlio diletto
nel quale mi sono compiaciuto ". Cfr. Vangelo di Matteo 17,5.
La campana di San Domino per quanto abbia una iscrizione non facile a leggersi,
lascia vedere chiara la data di fusione MCCCCVIII, cioè 1408.
Questo è l'anno in cui morì Mariano V, figlio di Eleonora d'Arborea, la quale morì
quattro anni prima.
La più antica campana della Diocesi di Ales-Terralba appartiene ali' ormai distrutta
chiesa parrocchiale di Santa Maria in Lunamatrona, recante la data 1329. Si trovano
altre due antiche campane precedenti quella di San Domino, una a Zeppara di Ales e
l'altra a Pauli Arbarei, recano entrambe la data del 1390.
Attualmente la chiesa di San Domino , recentemente restaurata possiede un singolare
altare in pietra scolpita, con due colonnine doriche, una nicchia centrale sopra un
muro di pietra con decorazioni tutt'intorno, scolpite e colorate , vi sono raffigurati i
quattro evangelisti, due per parte, separati da due rosoni, con scritte e simboli
cristiani, due piccole teste d'angelo ai lati della scaletta del tabernacolo della mensa
sacra.


 CRÈSIA DE SANTU DOMI
Sa crèsia de Santu Domi, in su sartu, est acanta de sa crèsia Parrochiali e est de su de XVI sèculus.
No si connoscit sa data de fundatzioni de sa bidda e nimancu sa simada, ma si sciit ca in custu logu nci iat genti giai de s’antighidadi, cumenti si scoberrit de is nuraxis.
In edadi spanniola Cenuri dda iant posta in sa "Incontrada de Marmitta", chi apartenit a su Marchesau de Cuirra, e fut stètiu fèudu de is Centelles e de is Osorio.
Giauni cun Setzu fiant de is tempus antigus una Prebenda sceti (o siat sea de unu canònigu de sa catedrali de Abas chi podiat donai sa parròchia a un’atru preidi scioberau de issu, chi ddi narànt “su vicàriu”, e ddi donàt una parti de is benefìtzius de sa Prebenda). Setzu ndi fut bessida po fai Rettoria po contu suu in su 1775 (fut Rettoria sa crèsia cun d-unu preidi suu).
In Giauni nci at atras duas crèsias antigas meda, sa de Santu Marcu e sa de Santu Domi, o siat de sa Trasfiguratzioni de Gesùs; sa festa litùrgica dda faint su 6 de austu.
Giai de su 1600 fadiant dònnia annu su 6 de mesi de Argiolas sa festa de sa cunsacratzioni de sa cresiedda prima de sa festa de su 6 de austu chi faint innoi.
Sa crèsia de Santu Domi fut prus manna de sa de imoi. Fut stètiu s’obispu de Abas, Munsennori Micheli Beltran chi ndi iat ordinau unas cantu modìficas, cun decretu de sa Visita Pastorali de su 10 de martzu de su 1641. In su decretu s’obispu Munsennori Beltran spiegat s’arrexoni de custu cambiamentu “aici sa crèsia de Santu Domi at a essi prus proportzionada e eleganti” (estiga mas proporcionada y curiosa).
Una de is duas campanas de Santu Domi de Giauni portat sa data de su 1408 cun d-una scrita chi no si ligit tropu beni a lìteras mannas, chentza de spàtzius in mesu, chi parrit chi bollat nai: "TU PATRIS SEMPITERNUS FILIUS DOMINE MCCCCVIII".
Chi s’interpretatzioni fessit giusta, iat a fai arriferimentu a is fueddus naus de Deus in sa Trasfiguratzioni de Gesùs in su monti Tabor: "Questi e il mio Figlio diletto nel quale mi sono compiaciuto " (Vangelu de Matteu 17,5).
Sa campana de Santu Domi mancai portit una iscritzioni chi no est fàcili meda de ligi, lassat biri crara sa data chi dda iant fùndia, MCCCCVIII, o siat 1408.
Fut s’annu chi fut mortu Mariano V, fillu de Eleonora d'Arborea, chi fut morta cuatru annus prima.
Sa campana prus antiga de sa Diocesi de Ales-Terralba apartenit a sa crèsia, chi ormai est sciusciada, de Santa Maria de Lunamatrona, cun sa data 1329. Nci at atras duas campanas prus antigas de cussa de Santu Domi, una in Zeppara e una in Pauli Arbarei, e portant totu e is duas sa data de su 1390.
Imoi in sa crèsia de Santu Domi, restaurada de pagu, ddui at unu altari de pedra scolpida, cun duas corondueddas dorica, unu nìciu centrali asuba unu muru de pedra cun decoratzionis totu a fùrriu, traballadas e coloradas, ddui funt figuraus is cuatru evangelistas, duus po parti, pretzius de duus rosonis, cun scritas e sìmbulus cristianus, duas conchixeddas de àngiulu a su costau de sa scabixedda de su sacràriu de s’altari.
 

Vista esterna

Aggiornato il: 2 ottobre 2013
|