Comune di Genuri

piazza San Giuliano 3 - 09020
Tel: 070 9365128 - E-mail

Panorama009

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Chiesa Santa Maria

Risorse

Cappella del Rosario

Tomba altare Cappella del Carmine

Particoolare cupola XVI° sec.

Particolare cupola

La Chiesa Parrocchiale è dedicata alla Beata Vergine Maria risale al XVI° sec.

Documentata già nell'ottavo decennio del 1500 sotto la dedica di Santa Maria di Monserrat, la parrocchiale di Genuri assume attualmente il titolo di Natività di Maria Vergine, la festa liturgica si celebra l'8 settembre.
Una nuova fase costruttiva ebbe luogo nei primi del 1600, nel 1602 fu fabbricata una nuova campana a ricordo dei lavori della chiesa di Santa Maria di Monserrat. Nel 1603, davanti al notaio Giovanni Antonio Maxia il 7 aprile 1603, furono anticipate 230 lire al mastro Sisinnio Saba "pedrapiquer" (scalpellino della pietra), per la costruzione "che sì è obbligato eseguire nella chiesa parrocchiale di Genuri sotto l'invocazione di Santa Maria". Di quest'epoca è l'iscrizione reimpiegata come architrave della porta che conduce dalla sagrestia al presbiterio attuale . (presbiterio: spazio riservato ai presbiteri celebrano la S. Messa)
La campana del 1602 reca l'iscrizione : HAEC CAMPANA FACTA EST ANNO 1602 - SANCTA MARIA ORA PRO NOBIS ESSENTE CANONGE EL REV BERNARDINO SERPI NATURAL SE STAMPAIX" ,
Questa campana e stata realizzata nell'anno 1602- Essendo canonico il Rev.do Bernardino Serpi di Stampace in Cagliari. Santa Maria prega per noi. Nel 1628 fu finita la grande costruzione della chiesa parrocchiale di Santa Maria, con un programma di lavori entro i quali ebbe compimento anche la bella cupola. Altri accrescimenti ebbero luogo nella metà del secolo come dimostra l'iscrizione dell'antico presbiterio costruito a spese del canonico Efisio Maxia nel 1651. La cupola servì da modello al maestro Francesco Maxia di Serrenti per la costruzione del presbiterio e della cupola di Sant'Antonio di Sardara (1672). Nel coro retrostante il presbiterio, vi è una nicchia con timpano curvo spezzato, nella quale si trovava la statua seicentesca di Santa Maria di Monserrat. La cappella di N.S. del Rosario in stile gotico , ma decorazioni quali rombi, rosette, elementi vegetali nell'intradosso dell'arco di accesso di gusto rinascimentale. In questa cappella è stato sepolto il canonico Michel Angelo Cirronis, morto a Genuri il 18 agosto 1661.

L'antico edificio fu però mutilato negli anni '50 del 1900, con l'inserzione della nuova aula in senso perpendicolare all'antico asse rivolto a Oriente. Il presbiterio e la cappella destra della costruzione seicentesca, con le loro decorazioni fìtoforme in pietra e con la copertura cupolata, furono così ridotte ad appendice laterale della nuova costruzione.

CRÈSIA DE SANTA MARIA
Sa Crèsia manna est po sa Madonna, est de su de XVI° sèculus.
Documentada giai in su VIII de decènnius de su 1500, dedicada a Santa Maria de Monserrat, sa crèsia de Genuri tenit su tìtulu de Natividadi de Maria Vìrgini; sa festa dda faint s'8 de Cabudanni. In is primus annus de su 1600 iant torrau a inghitzai a ddui fai traballus, in su 1602 iant fatu una campana noba po arregordai is traballus de sa crèsia de Santa Maria de Monserrat. Su 7 de abribi de su 1603, ananti de su notàiu Giovanni Antonio Maxia iant donau unu antìcipu de 230 francus a su maistu Sisinni Saba "pedrapiquer" (picapedreri), po fai is traballus "che sì è obbligato eseguire nella chiesa parrocchiale di Genuri sotto l'invocazione di Santa Maria" (“chi s’est obrigau a fai in sa crèsia parrochiali de Giauni a pustis de invocazioni a Santa Maria”). De cust’època est s’iscritzioni chi imoi est asuba de una genna chi andat de sagrestia a su presbitèriu.
Sa campana de su 1602 portat scritu: HAEC CAMPANA FACTA EST ANNO 1602 - SANCTA MARIA ORA PRO NOBIS ESSENTE CANONGE EL REV BERNARDINO SERPI NATURAL SE STAMPAIX", (Custa campana est stètia fata in s’annu 1602 – Sendu canònigu su preidi Bernardinu Serpi de Stampaxi de Casteddu. Santa Maria prega po nosu). In su 1628 iant acabau de fai sa crèsia de Santa Maria, cun d-unu programa de traballus anca ddui iat una bella cùpola puru. Iant torrau a amanniai sa crèsia a metadi de su sèculu cumenti amostat s’iscritzioni in su presbitèriu antigu pagau de su canònigu Efìsiu Maxia in su 1651. Sa bòvida fut serbida a mollu po su maistu Franciscu Maxia de Serrenti po fai su presbitèriu e de sa bòvida de Sant'Antoni de Sardara (1672). In su coru a pabas de su presbitèriu, ddui at unu nìciu anca ddui fut sa stàtua de Santa Maria de Monserrat. Sa capella de N.S. de su Cramu est a stili gòticu, e pintas a rombus, arrosixeddas, follas e froris. In custa capella iant interrau a su canònigu Michel Angelo Cirronis, mortu in Giauni su 18 de austu de su 1661. Sa crèsia antiga però dd’iant mesu strupiada in is annus 50 de su 1900, candu iant postu una àula noba faci a Orienti. Su presbitèriu e sa capella de manu destra de sa costruzioni de su sescentus, cun is pintas a froris e follas in sa pedra e cun sa cobertura a bòvida, fiant abarradas a partis de costau de sa costruzioni noba.
 

Cupola XVI° sec.

Aggiornato il: 30 ottobre 2016
|